E si innamorerà di qualche parola
tirata fuori da un cilindro d’innocenza.

E si calerà nel più profondo
dei pozzi neri di coscienza.

Amerà i vicoli, le fughe
e ritorni. Senza ragioni
appese al paradosso.

Vorrà stringergli la mano,
guardare l’ombra addormentata
sul cuscino. Le cose semplici
riempite dal pensiero.

Non si accomoda un amore
al volere della ragione
non lo si controlla con le regole
che lo vincolano su un solo sentiero.

E non sarà per forza bello,
come lo richiederebbe l’arte
di far mercato delle proprie parole.

Sarà affascinante nel suo essere
una bruttezza indiscreta.

Farà violenza
a tutte quante
le barriere.

Non ha confini,
in quell’istante.

Non è persona.
Non è sapere.

Svicola
ogni regola
del tempo.

Non si ama
per mestiere.

4 pensieri riguardo “

Rispondi a marianna Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: