Labor limae

Un’altra stanza, sì,
solo un’altra scatola;
Un’altra piega, 
soltanto un’altra piega.

Ma non il tutto,
mai abbastanza.
Tic toc tac.

E mai così lontana;
così come solo le cose vicine
sanno essere; ancora.

Eh, sì, che ti lascio stare:
lì dove sei, pezzo d’anima
disperso.

E va bene così.
Niente di diverso,
niente di uguale. 
Niente conto,
e niente resto.

Niente, solamente
niente, adesso.

Una opinione su "Labor limae"

Rispondi a almerighi Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: