La cartuccia

E va bene. Va e viene,
come tutto il resto.
Niente conto
né pretesto.

Guarda tutto ora
sotto questo velo
di tristezza.

La terra,
soltanto terra,
dopo il salto,
da quell’altezza!

Ed è già nostalgia
senza l’ebbrezza.

E poi sarà pelle.
Certo, ma non sarà lo stesso.
Un minestrone in pezzi,
una schifezza, un rigurgito
nel cesso.
Sì, ma tu adesso
spara.
Tu, spara adesso.

Spara, t’ho detto!
A ripetizione, tu spara,
adesso.

Che magari,
chissà mai?!

Una cartuccia,
un miracolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...