Statte zitta

Se dobbiamo proprio odiarci,
beh, allora facciamolo bene.

Fingiamo tutta la storia,
e fingiamola bene.

Mettiamoci tutte le nostre parti,
i pregiudizi e le assenze,
le ragioni, i torti
e le coincidenze.

Mettiamoci anche
i pensieri i contorti,
quelli stanchi di rabbia,
senza mani,

le mani,
e i lamenti dei morti.

Ma poi
a confine, ti prego,
ricordiamo
che fine non c’è.

E incappo in un tuo pensiero
totalmente fuori contesto.

E mi scappa  il pre-testo:
fai quel che vuoi.

Prendo volentieri,
dopo il carosello di tristezze,

una tazza di te.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: