Criterio logico “Bellezza”

Soliloqui, oppure no. Parole. E pneumatici. E mutande. Oggi è inverno. Giove con la testa sul cuscino. I mortiviventi. Le cassettiere e gli specchi. La delicatezza di quelle mani, così piccole. Ogni spiraglio una certezza, criterio logico “bellezza”.

Il lago

Eh, il fondo. La melma del lago. Parlano di mulinelli assassini: balle. La gente rimane impigliata nelle alghe. Queste alghe poderose. Alte: dal fondo alla superficie. Dal fondo. Dalla riva le guardavo e mi dicevo: No, lì no. Non ci nuoterò mai. E così è stato. Perché un conto è rischiare di affondare. Un contoContinua a leggere “Il lago”

L’appuntamento

Io non esisto. Io non c’è. Non c’è mai stato. Tu che ti batti con i mulini a vento. Il tempo farà dei fatti storia, che ti piaccia o meno. Tu che invece metti la tua faccia. Sospetto…Non che è ti manchi quel che vorresti dire? Timidezza intellettuale, l’hai chiamata. Amore dei tempi del…cose’era? AmoreContinua a leggere “L’appuntamento”

Giove. Pianeta tutta testa

Hai una gran fantasia. Questo è certo. Certo che potresti usarla per dipingerti  un mondo un pochino più felice. In cui quello che sei, che hai, che c’è, non puzza. In cui le persone che quotidianamente vivi ti amano, per certo. In cui ami, per certo, le persone che quotidianamente vivi. In cui il prossimo è sempre migliore,Continua a leggere “Giove. Pianeta tutta testa”